ALTRE NOTIZIE SULLA DISCARICA DEL BOSCACCIO

Boscaccio uno scenario sempre più intricato.

Ieri le cronache locali riportavano la preoccupazione per presunti ritardi nell’approvazione del progetto di ampliamento della discarica per non meglio precisate lentezze burocratiche… “non politiche” precisa l’articolista che poi riporta solo il parere di Monica Giuliano.
Oggi nell’articolo di MarcoPreve su Repubblica troviamo in fila tutta una serie di possibili spiegazioni e approfondimenti che riescono a dare una interessante ed inquietante lettura d’insieme.

Vale la pena leggerlo… anche per il Sindaco di Vado.


QUALCHE OSSERVAZIONE SULLA RICHIESTA DI RADDOPPIO DELLA DISCARICA AL BOSCACCIO

L’ampliamento sarà a breve un dato di fatto. Non finga timori Ecosavona: Toti è perfettamente d’accordo col PD di Arboscello. Completa il trio il nostro Sindaco che, rappresentante di entrambi gli schieramenti, si è ben guardata dal porre vincoli all’operazione.

https://www.ivg.it/2022/03/discarica-del-boscaccio-a-vado-ligure-si-avvicina-il-via-libera-per-lampliamento/

Quindi nessuno si illuda che l’ampliamento non passi; tutt’al più sarà accolta qualche osservazione delle associazioni ambientaliste.
L’ampliamento toglie le castagne dal fuoco a gran parte degli amministratori liguri e garantisce lauti guadagni ad Ecosavona. Peggiora il quadro la delega a tecnici “super partes” della nascente Agenzia regionale rifiuti che – come già detto – allontana dal controllo dei cittadini le scelte più critiche

Vado – come troppo spesso accade ed è accaduto – pagherà il prezzo: un rio sarà spostato, una vallata sarà riempita di rifiuti con conseguenze note, la storia si ripete peggiorando e la nostra città è sempre più lo “sgabuzzino” dell’intera regione.

Qui trovate i dettagli del progetto originario presentato dai progettisti

[serata informativa del 4 set 2020 organizzata da Vivere Vado  sull’ampliamento]

NB: In quello ora in approvazione sono ricompresi i due lotti che in prima istanza erano stati separati.

La Giuliano non teme il ridicolo

VEDI QUI IL VIDEO DE LA STAMPA:
Monica Giuliano si emoziona vedendo la demolizione dei gruppi a carbone della centrale Tirreno Power; sembra che abbia fatto lei la battaglia per uscire dal carbone a Vado mentre ha solo preso atto di una decisione della magistratura che ha interrotto decenni di politica contro l’ambiente del suo ex partito (PD).
Chissà cosa pensa mentre conciona di “rivoluzione industriale” dei recenti entusiasmi del suo nuovo capo politico (Toti) (https://www.linkedin.com/…/giovanni-toti-7a011818a…) che – il 25 febbraio – poche ore dopo l’inizio dell’invasione russa in Ucraina non ha trovato di meglio che approfittare dell’occasione per speculare sulla crisi energetica riproponendo il carbone come soluzione…
Sì è proprio una fortuna che i lavori di demolizione degli impianti a carbone a Vado siano già molto avanzati, i danni sono limitati ai ridicoli panegirici autoincensanti della Sindaco col casco.
IL POST DI TOTI SU LINKEDIN (25FEB22)

La Giuliano contempla il Masterplan in stallo ma … racconta il miracolo immaginario

Nell’articolo => IVG-07feb22-piano-portuale-il-sindaco-giuliano

il Sindaco riconosce lo stallo sulle opere del masterplan (nuova darsena, area urbana e cantieristica).

Parla invece di accelerata sul fronte viario e sulla messa in sicurezza del torrente Segno.

Il nostro commento

  • Sul fronte viario dov’è l’accelerata? Non sono ancora ripresi i lavori di adeguamento della strada di scorrimento. Le ultime notizie informano che i cantieri possono ripartire “grazie alla procedura semplificata prevista dal Decreto sul ponte Morandi”. (La Stampa, 4/2/2022) In realtà il Decreto era già vigente al tempo del primo cantiere, fatto che non ha impedito la sospensione dei lavori.

 

 

  • Riguardo alla messa in sicurezza del torrente Segno, il Consiglio Comunale del novembre scorso ha espresso parere positivo sullo spostamento dall’alveo delle tubazioni Petrolig ed Esso.

È  certamente un passo avanti verso la messa in sicurezza del torrente, ma Memoria e Futuro, Gruppo consiliare cui Vivere Vado appartiene, ha votato contro perché il nuovo percorso delle tubazioni non si collegherà direttamente alla piattaforma ma al vecchio pontile Petrolig, che avrebbe dovuto essere abbattuto nel quadro del “riordino” della rada. Questo era negli accordi firmati nel 2008 dal Sindaco Giacobbe e disatteso nel 2018 dal Sindaco Giuliano, che ha accettato la demolizione “parziale” del pontile.

Inoltre il percorso scelto comporta l’attraversamento del piazzale San Lorenzo, di proprietà comunale, costituendo così un’importante servitù che può comprometterne un futuro utilizzo. L’Amministrazione ha riconosciuto tale servitù ma si è limitata a “raccomandare” di valutare un percorso alternativo in fase di progettazione esecutiva.

Siamo convinti che la raccomandazione sia uno strumento del tutto insufficiente, e che non ci sarà nessuna modifica del percorso stante il fatto che, finora, è stata sempre l’Amministrazione ad adattarsi ai voleri altrui.

Quindi questa delibera da un lato va nella direzione di salvaguardare la sicurezza dei cittadini, dall’altro compensa con una nuova servitù e l’ennesima marcia indietro sulle garanzie di sostenibilità del progetto piattaforma.

Per il Sindaco si tratta di un dettaglio rispetto alla messa in sicurezza del Segno, obiettivo che mai nessuno sino ad oggi era riuscito a raggiungere.

Vivere Vado non riconosce alcun miracolo, solo un rincorrere i problemi mettendo delle pezze che dovrebbero smantellare l’eventuale residua credibilità di questa Amministrazione.

 

BUONE NOTIZIE

MOLTI RICORDERANNO CHE …
circa un anno fa, a fine 2020, incombevano su Vado due progetti che avrebbero costituito altrettante ipoteche sul suo futuro:
– L’ampliamento della discarica del Boscaccio
– Il potenziamento della Tirreno Power (raddoppio del gruppo a metano).
Vivere Vado, come altri soggetti locali e non, si era attivata per contrastarli, convinta che le servitù vadesi avessero già superato il limite di tollerabilità (molte infatti sono state le nostre osservazioni presentate alle autorità preposte a dare le autorizzazioni e – per l’ampliamento della discarica – unici, abbiamo organizzato una giornata di presentazione e discussione pubblica sul progetto).
Da parte sua invece, l’Amministrazione comunale si è ben guardata dal prendere le distanze: colpevolmente tacendo sull’ampliamento, altrettanto colpevolmente arrampicandosi sugli specchi dello “sviluppo” e della mancanza di competenze tecniche capaci di valutare il progetto di Tirreno Power; in Consiglio Comunale tutta la maggioranza ha difeso la foglia di fico del metano pulito e della transizione ecologica.
(N.B.: L’ampliamento del Boscaccio non è stato discusso in Consiglio Comunale)
Oggi, a distanza di un anno, i due progetti sono al momento accantonati:
– A metà maggio 2021 Tirreno Power ha ritirato il progetto, che era al vaglio del Ministero. Non sono note le ragioni.
– In data 23/12/2021 il settore VIA della Regione ha archiviato il procedimento relativo all’ampliamento del Boscaccio poiché il proponente non ha dato riscontro alle verifiche richieste.
È possibile che qualcosa si riaffacci all’orizzonte, ma per il momento prendiamo felicemente atto delle BUONE NOTIZIE.
AGGIORNAMENTI 5 FEB 22 :

Sono passati pochi giorni ed ecco che, puntualmente, si ripropongono (come un pasto indigesto) le idee di sfruttamento del territorio vadese … ECOSAVONA ha infatti ripresentato la richiesta di autorizzazione all’ampliamento della discarica del Boscaccio che sembrava aver abbandonato.

Noi di VIVERE VADO riprendiamo il lavoro di analisi puntuale del progetto per tutelare il nostro territorio registrando il solito silenzio assordante della Giunta Comunale Vadese.