No alla miniera nel comprensorio del Parco Naturale Regionale del Beigua

VIVEREVADO

INVITA TUTTI A SOTTOSCRIVERE LA PETIZIONE CONTRO LO SFRUTTAMENTO MINERARIO DEI TERRITORI DEL BEIGUA E STIGMATIZZA L’AUTORIZZAZIONE CONCESSA DA REGIONE LIGURIA PER L’AVVIO DI SONDAGGI DI VALUTAZIONE DEL GIACIMENTO DI TITANIO CHE SI TROVA NELLE ROCCE DEL PARCO (riconosciuto UNESCO Global Geopark)

 

FIRMA QUI https://www.change.org/p/regione-liguria-no-alla-miniera-nel-comprensorio-del-parco-naturale-regionale-del-beigua

 

 

Note a margine del premio PIMBY GREEN al Comune di Vado Ligure

Leggendo “Il Secolo XIX” di oggi ritroviamo la notizia (già circolata nei giorni scorsi) della premiazione del Comune di Vado Ligure (nella persona del Sindaco Giuliano) da parte di FISE-Assoambiente  (Associazione di Imprese dei Servizi Ambientali) col premio PIMBY GREEN, nell’articolo di oggi ci sono alcuni dettagli delle motivazioni che ci hanno fatto riflettere:

I Vadesi e gli abitanti del circondario colpito dai fumi della centrale elettrica ENEL  e poi TIRRENO POWER ricordano bene che – nonostante le coraggiose lotte di molti ambientalisti – solo la chiusura delle unità a carbone disposta dalla magistratura nel 2014 ha interrotto decenni di deliberato inquinamento prodotto da un utilizzo di sistemi produttivi ben al di sotto delle “migliori tecnologie disponibili”.

E ricordano anche la classe politica ligure che ha coperto politicamente gli inquinatori. Ora gli inquinatori per bocca di AssoAmbiente chiudono il cerchio premiando la classe politica che li ha protetti e che gli consente di rimanere sul mercato con una nuova verginità green. La Giuliano ritira il premio e incassa visibiità mediatica unendosi alla lunga schiera dei complici con il suo silenzio; probabilmente sa di poter ricevere altri premi (anche più consistenti di una targa) per aver tombato la Rada di Porto Vado o per aver moltiplicato le discariche di rifiuti sul territorio del molto disponibile comune di Vado … sempre per il “bene comune”… naturalmente.

Sia chiaro che la nostra è una accusa ad una politica di sfruttamento dissennato del territorio senza le dovute garanzie, quanto alle responsabilità penali tocca alla magistratura dirci chi dovrà rispondere delle devastazioni ambientali.

 

AGGIORNAMENTO 30 SET 2020:

L’ALTRA FACCIA DEL PREMIO PIMBY… Finalmente anche i sindacati (dopo gli EVVIVA dei giorni scorsi) mettono in evidenza che il modello di sviluppo vadese appena premiato lascia indietro molti https://www.ilsecoloxix.it/…/tirreno-power-pronta-a-18…

CAMBIAMO! SI’ … MA IL SINDACO!

Chi glielo dice all’ANPI, ai cittadini di Vado?

Chi glielo dice all’ANPI, ai cittadini di Vado così legati alla Resistenza – che tanto ha inciso nella storia della comunità vadese – che il sindaco della città vota la lista di Toti -Vaccarezza sempre in prima fila nelle commemorazioni dei militi della Repubblica di Salò responsabili di ferocia con il falso alibi della neutralità dei morti?
Del resto lo sapevano, lo sapevamo già: la Giuliano ha completato (per il momento…) la sua parabola che l’ha portata dai DS all’abbraccio con TOTI, Vaccarezza e la destra più becera e razzista che ormai dilaga in Italia, non c’è molto da dire al proposito.

La lista del nuovo riferimento politico della Giuliano è “CAMBIAMO!” nel caso vadese va declinato in “Cambiamo Sindaco … presto!”

 

AGGIORNAMENTO POST ELETTORALE 22 SET 2020

AD ELEZIONI CONCLUSE ABBIAMO COMMENTATO COSì: https://www.facebook.com/viverevado/posts/4915854585122054

TOTI HA LA RICETTA PER IL FUTURO …

… INDIGESTA!!

Il presidente della Regione Liguria Toti – in una intervista pubblicata su “Avvenire.it” il 7 aprile scorso – sostiene che la ripartenza della nostra regione possa avvenire solo eliminando ogni tipo di controllo sugli appalti da parte dell’antimafia e eliminando altresì i vincoli paesaggistici e quelli urbanistici.

Quello che si vuole in realtà pensiamo sia un via libera al cemento, sport molto diffuso nelle aule regionali e praticato non solo dal centrodestra.

Per quel che concerne il codice degli appalti, per sorridere un po’ in questi tempi avari ci affidiamo alla rubrica Bravimabasta di Bottura su Repubblica di oggi.