La tormentata storia d’amore e di guerra tra Giuliano e Signorini continua…

Il 16 maggio il Secolo XIX pubblica una intera pagina  dedicata al porto di Vado… curiosamente i tre pezzi vanno sotto il richiamo “allarme coronavirus”…  vorrà dire che ritardi e problemi raccontati negli articoli hanno una causa precisa… la pandemia!

Pensavamo di aver visto tutto ma ecco che Il virus ha preso il posto delle “eccezionali mareggiate” e degli “eventi calamitosi” degli ultimi anni come colpevole di ogni ritardo ed inefficienza dei nemici/amici Giuliano Signorini che nel frattempo  continuano sul consolidato copione la loro commedia:

Il Sindaco “sbotta e picchia i pugni sul tavolo”, Signorini abbozza e arriva prontamente qualcuno dall’alto a far da paciere … fino alla prossima sceneggiata

Leggendo il Secolo del 16 maggio infatti ci prende una strana sensazione di deja vù… guardate un po’ qui i precedenti episodi della telenovela (e forse qualcuno ce lo siamo dimenticato…)

A settembre 2019 la Giuliano invocava un commissario per la mobilità legata alla piattaforma:

https://www.viverevado.it/il-sindaco-si-smarca/

ma poi ci si era trovati tutti (Toti, Signorini e la Giuliano) intorno ad un tavolo in quel di Vado per siglare accordi e fare la pace,

ancor prima (era gennaio 2019) si era rivolta ad un avvocato per ottenere il rispetto degli accordi… ma poi il governo l’aveva rassicurata:

https://www.viverevado.it/giuliano-chiama-rixi-risponde/

PER QUANTO ANCORA DOVREMO SORBIRCI QUESTA SCADENTE COMMEDIA? POTREBBERO ALMENO FARE UNO SFORZO DI FANTASIA PER STUPIRCI…

 

GRANDI NOVITA’

 

CHE NOTIZIE!!

1) Il 12 dicembre non si inizia davvero: fino ad ora nessuno aveva avuto il coraggio di dirlo ad alta voce.
2) Non di dice però che Porto Vado, e parte di Vado Ponente, sono già a pieno regime con i rumori causati notte e giorno dalle prove di carico.
2) Toti con nonchalance fa diminuire i posti di lavoro di 101unità rispetto all’ultimo accordo.
3) Non lo diciamo più soltanto noi: Signorini informa che ogni giorno transiteranno almeno un migliaio di mezzi pesanti
4) La Giuliano è di nuovo soddisfatta; ma si sa, lei si accontenta di poco. Magari tra qualche mese salterà di nuovo sulla sedia per difendere i vadesi …
E avanti così , per arrivare indenne alla fine del mandato e saltare su un’altra sedia. O poltrona .

 

Scaramucce d’amore

COMUNE – AUTORITÀ PORTUALE

FALSA CRISI MATRIMONIALE

 

Storicamente, tutte le volte che le Giunte di Vado si sono alleate con l’Autorità Portuale e con la Regione per ottenerne vantaggi e sviluppo, quello che hanno ottenuto è stato invece uno sfacelo per il territorio, l’impossibilità di un altro futuro per le persone che lo abitano, a fronte di un modesto incremento lavorativo.
Adesso la Giunta attuale ha pure la faccia tosta di presentarsi ai cittadini come difensore della città in opposizione ai cattivi di Autorità Portuale, sebbene continui ad essere, nei fatti, il suo braccio operativo, che si accontenta di margini di azione residuali.

Ben diversa deve essere la dialettica tra un Comune portuale e Autorità: l’oggetto del contendere deve essere il progetto di città e il suo complessivo sviluppo armonico.

Su questo piano la resa di Vado è evidente: la Giunta Giuliano da sempre è d’accordo con il disegno strategico di una Vado a monocoltura portuale; un paese usato come porto, retroporto e pure angiporto, a loro piacimento.

Questo noi abbiamo sempre sostenuto e continuiamo a sostenere, prove alla mano.

 

Un commissario per le infrastrutture a Vado Ligure?

IL SINDACO SI SMARCA e INVOCA IL COMMISSARIO PER LA MOBILITA’ A VADO LIGURE

L’articolo informa che il Sindaco ha chiesto al Ministro delle infrastrutture la nomina di un Commissario straordinario che abbia l’autorità di gestire la realizzazione delle opere connesse alla piattaforma. In questo modo si bypasserebbero i soggetti che non stanno rispettando gli impegni sottoscritti.

Il cittadino si chiederà:

Che cosa ha portato il Sindaco a questa azione, rivelatrice di una sua profonda difficoltà?

Eppure per 5 anni ha giurato che tutto era sotto controllo: grande capacità di affrontare i problemi, di risolverli, di portare a casa gli obiettivi previsti…e oltre!

I problemi alle infrastrutture di collegamento della piattaforma non esistevano o comunque erano in via di risoluzione.

Era trattato con sufficienza e tracotanza chi, come noi, continuava a denunciare pubblicamente rischi e inconsistenza delle dichiarate tutele per la cittadinanza e l’ambiente e, in particolare, aveva mostrato punto per punto le debolezze del nuovo Accordo, con impegni non sufficientemente garantiti.

Ma allora che cosa è intervenuto nel frattempo per far preoccupare il Sindaco?

NON È INTERVENUTO NULLA DI NUOVO.

I problemi ora sollevati erano già a sua piena conoscenza durante la campagna elettorale, mentre proclamava: Vado è una Ferrari!!!

A riprova dalla sua doppiezza si legga il documento seguente, nel quale il Sindaco diffida Autorità Portuale per “pressoché totale inadempimento” a precisi obblighi di interesse per la collettività locale.

leggi qui il testo completo della lettera: Diffida ADSP

Si noti che la data è del 10 aprile ‘19, data in cui il Sindaco Giuliano aveva già aperto il proprio point elettorale!

Nessuno mette in dubbio la fatica di un Amministratore alle prese con progetti complessi, ma IL PROBLEMA CHE NOI SOLLEVIAMO sta nell’uso disinvolto e strumentale delle parole del Sindaco o dei suoi silenzi (vedi il silenzio sull’interramento della piattaforma e quello, più recente, sull’ampliamento della discarica).

Il suo messaggio ha sempre lo stesso significato e lo stesso fine: Cari cittadini, dormite sonni tranquilli che a tutto penso io.

Peccato che i fatti abbiano la testa dura e abbiano costretto il Sindaco a cercare un diversivo: il Commissario!!

Ma non risolveva tutto lei?!

Ora che i vadesi le hanno garantito altri anni di tranquillità, in attesa di valutare come rientrare nei giochi della politica nazionale “salta sulla sedia” e punta il dito verso chiunque non sia lei stessa invocando un commissario che le consenta di schivare responsabilità e conti politici da pagare… Chissà se i vadesi anche questa volta la seguiranno?

Di sicuro il conto più salato di tanta spregiudicatezza e irresponsabilità lo pagherà Vado e non la Giuliano; lei al massimo farà un’altra giravolta.

RICORDATEVI:

QUESTO È SOLO L’INIZIO!

 

La favola bella della mobilità a Vado

Piattaforma Maersk e mobilità a Vado Ligure, il Sindaco Giuliano tenta (inutilmente) di farsi vedere preparata


Nello stesso giorno in cui Il Secolo XIX pubblica il resoconto dell’incontro della Fita-CNA col Prefetto sul problema della mancanza di spazi di sosta per i camion, il Sindaco rilascia sullo stesso tema una dichiarazione a La Stampa.

Il contenuto sembra aprire un nuovo corso per il futuro di Vado: “basta” ai camion in sosta nelle strade urbane, via Piave compresa.

Sarebbe ottimo: peccato che di positivo ci sia solo la TARDIVA PRESA DI COSCIENZA di dove reperire le aree per la sosta dei camion.

I 40 parcheggi spacciati dal Sindaco come “nostro progetto” e “soluzione” del problema, in realtà sono da anni previsti nell’area doganale. Se ne ha la conferma leggendo il verbale del Consiglio Comunale dell’11 aprile 2017 in cui si discuteva una delibera (in quella seduta approvata) dove venivano previsti questi 40 posti che in effetti sono 38 (vedi tavola sotto).

 

Dal resoconto della seduta consigliare di oltre due anni fa emergono chiaramente le posizioni di chi parla:

  • Vivere Vado che sollecita la responsabilità dell’Amministrazione, dimostrando che il numero di parcheggi previsto è irrisorio: si cita ad esempio il Terminal di Voltri che movimenta più del doppio di quanto dovrebbe accadere a Vado e dispone di circa 300 posti-camion nell’area antistante l’accesso, quasi 10 volte quelli previsti a Vado.
  • Il Sindaco che non ritiene il problema di sua competenza, e scarica la responsabilità su altri – benché le conseguenze ricadranno sui cittadini vadesi – dicendo: “Non è compito principalmente nostro quello di trovare delle aree pubbliche da destinare ad un’attività che ha una natura prettamente privatistica (…) quello che vi posso dire è che ci sono molte aree di stazionamento private all’interno della Reefer Terminal che vengono messe a disposizione in caso di situazioni di criticità”.

Nella dichiarazione odierna il Sindaco aggiunge: “Se questi non dovessero bastare si potrebbe pensare alle aree Interporto”.

L’espressione “si potrebbe pensare” è la dimostrazione che l’Amministrazione è impreparata non solo rispetto alla programmazione ma anche a qualsiasi ipotesi progettuale.