2 Luglio 2017
La vocazione turistica del nostro territorio.
Scrivo da utente del nostro meraviglioso mare. Sono stato costretto ad abbandonare la bella rada di Vado Ligure nel 2014 per evidenti motivi (vedi foto), diventando da allora, mio malgrado, bergeggino convinto per il nuoto con la maschera, sport che permetteva di ammirare i bellissimi fondali situati in prossimità della grotta.
Vado Ligure, Ottobre 2014

 Quest’anno, però, la mia consorte ed io, abbiamo trovato spiacevoli novità. La rinomata e proverbiale acqua cristallina della zona Grotta di Bergeggi-Punta Predani è spesso “verniciata” da una schiumetta biancastra in superficie che non stimola affatto l’ipotesi di una balneazione. Per mia curiosità, ho chiesto ad un gruppo di sommozzatori locali ilmotivo di questa  non graditavariazione e questi sono stati di parere unanime :”Il motivo di tutto ciò è dovuto alla enorme quantità di terra depositata a Porto Vado; questo terriccio biancastro vela tutta la profondità del mare fino a oltre 80 metri, raggiungendo, per effetto delle correnti, Capo Noli”.

Bergeggi, Giugno 2017

Stento a crederlo: gli esperti ci rassicurano (cfr. quanto scritto sulla stampa locale in data odierna, 1/7/17…. Da Roma il via libera alla variante) sul fatto che non ci saranno ripercussioni con la variante allaPiattaforma -terrapienoinvece di impalcato -e già in una fase precoce avviene l’inquinamento diun angolino splendido ?  Eppure il Sindaco si fida ciecamente degli esperti che avvallano la sua posizione del costruire ad ogni costo ed è sorda invece agli esperti di parere contrario. Prudenza e principio di precauzione sono, per lei, concetti sconosciuti e scomodi.  Io sto studiando una soluzione per la balneazione e gli sport acquatici: il lago di Osiglia!  Necessaria un’accurata esplorazione in tal senso. Alla prossima puntata. Chicco De Merra Vivere Vado

Lascia un commento